Intorno all’Etna

Crateri silvestriC’è molto da fare intorno all’Etna e su qualunque guida troverete informazioni su Taormina, Acireale, Catania. Qui troverete qualche suggerimento su luoghi meno noti. Cliccate sui collegamenti per ottenere maggiori informazioni (se trovate collegamenti migliori – o rotti! – mandateci un email, perfavore!).

Crateri Silvestri: un giro dentro questi crateri vi sembrerà una passeggiata sulla Luna. Sono situati a meno di 1Km dall’ Hotel Corsaro sulla strada etna-Zafferana. Sono vecchi di oltre 100 anni ma il più alto è un “intruso”, è il cratere 2001 che ha creato tutta la lava nera che troverete intorno. Il ristorante “La Capannina” è ancora operativo nonostante sia parzialmente coperto da questa eruzione e dentro l’edificio sopravvissuto potrete vedere una finestra “baciata dalla lava”.

Castagno dei Cento Cavalli: il più grande e antico castagno del mondo. Probabilmente vecchio di 4.000 anni (su un vulcano attivo!) è impressionante nelle belle giornate e magico in quelle nebbiose e piovose.Castagno dei Cento Cavalli

Ilice Du Carrino“: una quercia di 600 anni con una grande chioma globulare che copre un’area di circa 650mq. È famoso perché i suoi rami sono i più lunghi al mondo.

Grotta Cassone: sulla strada Etna-Zafferana, accessibile direttamente dalla strada è la grotta più facile che troverete sull’Etna. Necessario il casco e la torcia.

Grotta del gelo: il ghiacciaio più a sud d’Europa (su un vulcano attivo!) è la più famosa di oltre 200 grotte dell’Etna. Non è raggiungibile in auto ma solo con trekking e una guida.

Castello di Calatabiano: restaurato nel 2004, è una delle più antiche fortificazioni in Sicilia e probabilmente di origini greche.Alcantara

Gole dell’Alcantara: spettacolare canyon di lava; la mattina è il momento migliore per visitarlo. Potete noleggiare una salopette impermeabile o gli stivali. Se necessario c’è un ascensore (con biglietto) ma le scale non sono lunghe e sono gratuite (a dispetto che tutto sembri indicare sia necessario un biglietto). Il bel giro naturalistico invece è consigliato. C’è anche un eccitante trekking fluviale per chi cerca qualcosa più estremo.

Randazzo e i suoi edifici di lava nera: piazzato nella valle dell’Alcantara tra l’Etna e i Nebrodi questa città impressiona i visitatori per il suo uso della lava.

Bronte and pistachio: girando intorno all’Etna dovete prendere un gelasto al pistacchio a Bronte. Il pistacchio è uno dei migliori del mondo. L’Ammiraglio Nelson aveva quì il suo Ducato e oggi la sua residenza (Castello di Nelson) è un bel museo.Isola dei ciclopi

Aci Trezza e i Faraglioni): secondo l’Odissea di Omero queste enormi scogli neri sono i massi lanciati a Ulisse dal ciclope Polifemo.

Aci Castello: uno dei più bei castelli intorno all’Etna domina un mare meraviglioso. E’un posto magnifico per nuotare e immersioni.

Adrano and “Bridge of the Saracens” (Ponte dei Saraceni): dentro il castello troverete un piccolo museo. Fuori dalla città il “Ponte dei Saraceni” domina il canyon di lava sulle gole del fiume Simeto e offre qualche immagine pittoresca.

Paternò, Motta Sant’Anastasia’s Neck: in entrambe le città troverete una torre normanna. Quella di Motta si erge su una massa monolitica (Neck) unica in Italia. Il Neck di Motta è una delle tante viste meravigliose che potete apprezzare dalle finestre dell’Hotel Corsaro.Motta Sant'Anastasia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *